HERLINGS VINCE L’MXGP DEL TRENTINO E ALLUNGA, DOPPIO VIALLE IN MX2

Condividi su facebook
Condividi su twitter

Il GP del Trentino a Pietramurata incorona uno straordinario Jeffrey Herlings, capace di vincere entrambe le manche a dimostrazione della suo attuale stato di grazia. Tom Vialle capitalizza al meglio le partenze e fa doppietta in MX2.



Una splendida giornata di autunno ha fatto da cornice anche oggi allo scenario da cartolina del crossodromo Ciclamino di Arco di Trento. Una bella cornice di pubblico ha fatto il resto, con le colline del tracciato finalmente piene di tifosi.

Una partenza della MX2 sotto lo splendido sole che ha accompagnato tutto il week end

Una giornata amara per i nostri colori, infatti dopo la debacle di Kiara Fontanesi ieri, anche oggi i nostri hanno sofferto per cadute e problemi vari. Nessuno dei nostri, infatti è rientrato nella top-ten di entrambe le classi.

 

MX2

Tom Vialle, se l’holeshot è il suo, le probabilità che sia lui a tagliare il traguardo per primo sono molto elevate. Così è successo oggi, infatti il francese non hai mai abbandonato la prima posizione andando a vincere entrambe le gare. Un bottino pieno che lo rilancia al terzo posto in campionato, alla caccia della seconda posizione detenuta dal belga Geerts.

Tom Vialle domina anche oggi in Trentino

Proprio il belga della Yamaha è stato il più serio contendente del francese per la vittoria assoluta oggi, ma il suo forcing in gara-2 per tentare di vincere manche e assoluta non ha avuto gli effetti sperati e Jago ha potuto soltanto vedere da dietro l’arrivo vittorioso di Vialle. In gara-1 ha dovuto recuperare qualche posizione dopo il via e una volta arrivato in seconda il francese era già imprendibile.

I due si giocheranno la seconda posizione nel Mondiale, se Vialle continuerà di questo passo qui ad Arco sarà molto dura per Geerts tenerlo alle sue spalle in classifica.

Jago Geerts è tornato competitivo troppo tardi…

Al terzo posto si rivede sul podio lo spagnolo della Honda Ruben Fernandez, che dopo una parte centrale di stagione difficile, è tornato ai suoi livelli di inizio anno e si candida ad essere protagonista nelle quattro gare che mancano alla fine del Mondiale. Con due quarti posti oggi si è assicurato il podio, rimanendo lontano dagli errori.

Ruben Fernandez a podio dopo diversi GP

Quarto Jed Beaton e quinto Isak Gifting che hanno corso una bella manche a testa occupando la terza posizione, mentre nell’altra sono stati meno efficaci.

Solo ottavo oggi Maxime Renaux, la tabella rossa ha avuto due partenze difficili e inoltre nella seconda frazione è partito ultimissimo con il launch control che si è staccato solo dopo la seconda curva. Il francese rimane saldamente in testa al Mondiale con 92 punti di vantaggio sul secondo.

Maxime Renaux da rimonta oggi

Capitolo italiani, il migliore dei nostri oggi è stato Andrea Adamo, il giovane dell’SM Action GasGas è partito molto bene nella prima frazione ed ha lottato per tutta la gara a ridosso della top-ten finendo 11°. Qualche posizione più indietro nella seconda frazione lo ha piazzato 12° al traguardo. Undicesimo assoluto e 16° posizione nel Mondiale confermata.

Altra buona prova di Andrea Adamo

Mattia Guadagnini ha iniziato la giornata con una caduta nelle qualifiche che lo ha costretto a sostituire la moto per poter proseguire le prove. Nella prima manche non è andato oltre il 18° posto per una caduta, mentre nella seconda è partito nella top-ten ed ha chiusto al 7° posto ad un soffio da De Wolf al sesto. Dodicesimo di giornata e terza posizione nel Mondiale persa a favore di Vialle. Mattia per lottare per i primi tre posti dovrà darsi da fare in queste ultime 4 gare, Geerts e Vialle non hanno intenzione di cedere punti a nessuno.

Giornata difficile per Mattia Guadagnini

Due punti per Gianluca Facchetti ottenuti in gara-1 dopo una buona partenza, 19° all’arrivo. In gara-2 una caduta nel primo giro lo ha estromesso dalla lotta per la zona punti.

Nessun punto invece per gli altri italiani in gara, Filippo Zonta, Emilio Scuteri e Giuseppe Tropepe.

Il podio della MX2

MXGP

Jeffrey Herlings e la tabella rossa, ormai un binomio che ci pare difficile vedere separarsi da qui a fine stagione. Anche se l’olandese dice dopo la gara che niente è scontato visto i suoi mondiali persi per infortuni, la sua forza e velocità attuale sono difficilmente equiparabili ad altri piloti.

Che duelli oggi in MXGP, tanto spettacolo specialmente in gara due

Anche se non parte bene, soprattutto in una pista come questa dove è difficile superare, il numero #84 macina secondi e avversari senza pietà arrivando allo scadere del tempo sempre in lotta per la vittoria e come oggi al primo posto in entrambe le gare. Nella prima manche ha avuto la meglio dello svizzero Seewer partito davanti a tutti intorno a metà gara, il compito più difficile è stato nella seconda manche quando al primo passaggio è transitato ottavo e sembrava difficile poter andare a vincere. Non per Herlings però che ha picchiato duro sul cronometro e trovando traiettorie impensabili per altri è andato in testa nel momento giusto ed ha portato a casa il bottino pieno di giornata. Il suo vantaggio in classifica ora inizia a farsi pesante, infatti sono 24 i punti che lo separano dal secondo.

Glenn Coldenhoff torna a podio

Seconda posizione assoluta per un ritrovato Glenn Coldenhoff, l’olandese ha capitalizzato al meglio la grande partenza di gara-2 ed ha preso anche la testa della corsa verso metà gara prima di soccombere a Herlings. Al secondo posto di gara-2 ha sommato un quinto nella prima frazione.

Molto veloce Tim Gajser oggi, gara uno ha pesato sul suo risultato finale

Terzo, ma a pari punti con Glenn, Tim Gajser, per lo sloveno un quarto ed un terzo posto che non può dirsi soddisfatto di come è andata e per aver perso punti importanti da Herlings. Il suo pubblico lo ha applaudito lo stesso, come fa sempre, ma in Tim si vede la delusione per aver perso una chance per avvicinarsi alla prima posizione.

Romain Febvre rimane in corsa per il titolo

Quarto Romain Febvre, anche lui a pari punti con il secondo Coldenhoff, terzo in gara-1, ha sofferto nella seconda manche dove dopo aver occupato la prima posizione per metà manche ha ceduto poi all’arrivo degli avversari finendo quarto. Il francese è ancora secondo nel Mondiale a -24, ma dovrà guardarsi le spalle dall’arrivo di Gajser in questo finale di stagione.

Lo svizzero Seewer dopo una prima manche chiusa al terzo posto, dopo la partenza in testa, nella seconda è partito più indietro ed ha fatto il massimo possibile arrivando quinto.

Bell’esordio per Boisramè con la Kawasaki ufficiale, due volte nono e sesto assoluto.

Ale Lupino rimane a ridosso della top ten anche oggi

Alessandro Lupino non ha avuto una giornata proficua, ma è stato comunque il migliore dei nostri. Decimo nella prima manche, dopo aver lottato con Boisramè nel finale per la 9°. Nella seconda frazione si trovava ancora nella top-ten quando una caduta lo ha fatto scivolare indietro ed ha terminato 15°. Lupo è ancora 9° nella classifica Mondiale e dovrà tenere d’occhio Thomas Olsen che oggi lo ha preceduto nell’assoluta.

Riassunto della giornata di oggi del nostro Tony Cairoli…..

Antonio Cairoli, dopo il terzo crono nelle qualifiche, ha lasciato con l’amaro in bocca il pubblico italiano, infatti dopo una partenza a metà gruppo è caduto dopo pochi metri ed è stato costretto al ritiro claudicante. E’ partito lo stesso nella seconda manche, ma dopo un’altra caduta nel primo giro ha preferito fermarsi dopo qualche giro.

Giornata storta anche per Alberto Forato, caduto nella prima manche e non partito nella seconda per un problema alla mano.

Il podio della MXGP

Il ritorno nel Mondiale di David Philippaerts non è stato fortunato, infatti anche DP19 non ha concluso nessuna delle due manche.

Il Mondiale correrà la sua gara infrasettimanale mercoledì 27 ottobre sempre qui ad Arco di Trento, per l’MXGP di Pietramurata.

VEDI TUTTE LE NEWS QUI!

Ti potrebbero interessare:

barbaiola-mx-logo