UN FINALE DI STAGIONE BELLO A META’ – STEELS DR JACK FLY OVER REPORT

L’ultima prova dell’Italiano Prestige si è disputata sul circuito di Castel San Pietro (BO), un tracciato vecchio stile che è piaciuto a molti.



Il nostro Nicholas Lapucci, anche se fuori dalla lotta per il titolo, voleva chiudere questa annata con un ottima prestazione. Le premesse c’erano fin dal sabato di prove. Infatti Nicholas ha stampato il miglior tempo conquistando la pole position per le gare della domenica.

In gara uno Nicholas ha comandato il gruppo per tutta la gara, prima con l’hole shot e poi con un ritmo gara insostenibile per gli altri. Vittoria netta e meritata che la dice lunga sulla velocità del nostro ragazzo.
Nella seconda manche Nicholas si ritrova nei primi dieci e dopo un giro si ritrova in settima piazza. Ma proprio quando si era entrati nel vivo della sua rimonta è un guaio meccanico a fermarlo costringendolo al ritiro. Anche con questo zero Nicholas accede alla manche della Supercampione.

 

Nicholas Lapucci velocissimo anche a Castel San Pietro

 

Nell’ultima gara di questa annata Nicholas scatta bene ritrovandosi tra i primi cinque. Il suo ritmo è fenomenale ed arriva presto a prendersi la seconda posizione per mettersi sulle orme del battistrada Lupino. Ma a pochi giri dal termine un’altra noia meccanica, diversa da quella di gara due, lo costringe a fermarsi con molto rammarico.

La velocità per salire sul podio c’era tutto, peccato per gli altri problemi, quest’anno a parte una manche alla Malpensa tutto era andato bene. Anche questo fa parte delle gare di motocross.
Nicholas con questi risultati ha chiuso il Campionato Italiano Elite MX2 al quinto posto mostrando grande crescita nel corso dell’annata.

Adesso ci si potrà fermare per un periodo prima di ripartire con la stagione 2020 dello Steels Dr Jack Fly over.

 

Nicholas in testa all’avvio di gara uno

 

NICHOLAS LAPUCCI: «Che dire, è andato tutto bene. Primo tempo in qualifica e prima posizione in gara uno. Sono stato in testa dall’inizio alla fine con un gran ritmo. Poi la sfortuna ci ha preso di mira, prima nella seconda manche mentre stavo risalendo da una partenza non perfetta. Ero intorno al quinto posto quando la moto ha avuto un problema. Nella Supercampione ero partito quarto e dopo un paio di giri ero già secondo e stavo andando a prendere Lupino. Ma anche qui un guaio alla ruota posteriore mi ha costretto al ritiro a pochi giri dal termine. Potevamo vincere tutto oggi, un vero peccato. La stagione rimane comunque molto positiva e speriamo che tutto si concretizzi nel 2020. Ringrazio il team che ha fatto un gran lavoro, tutti gli sponsor che mi supportano e la mia famiglia, senza di loro non potrei fare tutto ciò».

 

 

TUTTO LE ULTIME NOTIZIE CLICCANDO QUI!!!

error: Content under copyright.