E’ SOLO SABATO…

Appena concluse le manche di qualifica a Neuquén nel GP di Argentina, prima prova del mondiale 2019. Vincono Olsen in MX2 e Febvre in MXGP. L’impressione è che domani certi valori potrebbero cambiare.



Foto: MXGP.COM

La prima giornata di questo mondiale si chiude tra conferme, sorprese e colpi di scena. I valori in pista sembrano abbastanza livellati ma da domani avremo sicuramente risposte più attendibili.

Iniziamo dalla MX2 con l’hole shot di Jorge Prado che si porta dietro l’altro ufficiale KTM Vialle. Il francese poco dopo è vittima di una caduta che lo fa retrocedere e lascia spazio a Jacobi e Olsen che sembrano avere un ottimo passo. Tutto accade negli ultimi sei minuti di gara. Jacobi si porta a ridosso di Prado e riesce a passarlo. Anche Olsen si porta sotto e in poco tempo si prende il comando per tenerlo fino alla bandiera a scacchi. Dietro di lui Prado riesce a passare Jacobi per la seconda piazza con un entrata decisa che costringe il tedesco ad un fuori pista, tutto nella norma comunque.

Dietro ai tre terminano nell’ordine Watson, Vlaanderen ed Evans. L’unico degli azzurri in pista, Michele Cervellin, è autore di una partenza a centro gruppo ma rimane invischiato nelle stesse posizioni fino al termine giungendo 15°. I valori sembrano molto livellati oggi, vedremo domani con molti più minuti di gara e una pista sicuramente più insidiosa.

 

Jorge Prado temina la sua qualifica al secondo posto (foto MXGP)

 

Nella MXGP partenza al comando per Tim Gajser che tiene a bada due piloti Kawasaki, la sorpresa è che sono Lieber e Lupino! Partenza difficile per Cairoli che transita al primo giro attorno alla ventesima piazza. Gajser impone il suo ritmo mentre da dietro sembra Febvre il più in palla, nonostante una partenza poco brillante il francese risale posizione su posizione portandosi alle spalle dello sloveno. Lieber resiste mentre il nostro Lupo giro dopo giro perde posizioni chiudendo la gara in 12° piazza.

Il colpo di scena avviene verso metà gara, Tony inizia la sua rimonta entrando nella top ten ma la sua moto si spegne alla prima curva del tracciato e non vuol saperne di ripartire, non rimane che prendere la via dei box. 

La lotta per il comando avviene a pochi minuti dal termine, Febvre si avvicina a Gajser ed inizia ad attaccarlo. Il resto lo fa tutto lo sloveno che cade per ben due volte perdendo prima il comando e poi tante altre posizioni, finirà in 9° posizione. Troppe cadute per lui in questo inizio di stagione.

Febvre va a vincere incontrastato, dietro di lui Lieber, un inossidabile Van Horebeek (per fortuna che ha trovato un manubrio per correre questo mondiale!) e il solito Desalle, molto cauto oggi.

Anstie finisce quinto precedendo Nagl. Per l’altro nostro portacolori Monticelli un 16° posto che lo ha visto però sfiorare la top ten ad un certo punto della gara.

 

Febvre inizia con il piede giusto (foto Adriano Dondi)

 

Domani si torna in pista per aggiudicarsi i primi punti di questa stagione. Qualcosa cambierà, siatene certi.

 

TUTTO SUL SX USA CLICCANDO QUI!!!

 

 

error: Content under copyright.